home ARCHIVIO ALESSIO GIANNUBILO, la Regina d’Inghilterra

ALESSIO GIANNUBILO, la Regina d’Inghilterra

Alessio Patrick Charles Vierà di York nasce in uno spogliatoio di Upton Park l’8 marzo 1978. La regina Elisabetta presente allo stadio per la gara West Ham – Millwall tiene nascosta la sua gravidanza al mondo ma durante l’intervallo accusa le prime doglie ed è costretta a partorire nello spogliatoio degli Hammers costretti poi a farsi la doccia con gli accerrimi rivali del Millwall. La Regina desiderava tanto un piccola damigella di corte e così il povero Alessio, che mai verrà riconosciuto da Elisabetta viene educato come una giovane bimba di corte.
Il piccolo Alessio siapure attratto dal calcio e dal più violento rugby eccelle in tutte le arti di corte e a cinque anni si prepara da solo i vestitini da cerimonia. A soli sei anni prepara le tisane per la Regina, va pazzo per i film sentimentali  e si commuove ad ogni storia di amore. Con il passare del tempo Alessio scopre la sua virilità ma al tempo stesso non abbandona la vita nel castello e anzi vince la cerimonia del The dal 1988 al 1992 quando prende una sbandata per Hugh Grant che vuole conoscere a tutti i costi.  Alessio scappa più volte dal palazzo per incontrare le amiche e per ascoltare di nascosto le musiche dei suoi amati Clash che la madre tanto disprezza e per seguire gli Hammers. Lui vorrebbe essere un punk, ma l’etichetta non gli permette nemmeno di farsi un tattoo, tantomeno di svelare al mondo il suo segreto.  Lo spirito ribelle preoccupa Elisabetta che nel 1993 con l’editto di Bogotà vieta al figlio qualsiasi attività maschile e sociale e ritira dagli scaffali inglesi tutte le copie ancora in commercio dei dischi dei Clash. Il malessere e la rabbia di Alessio ormai sono incontenibili e proprio nel Natale di quell’anno succede il fattaccio:  dopo la messa di Westminster Elisabetta e il figlio sono diretti a Buckingham Palace, di nascosto Alessio sostituisce nella carroradio della carrozza l’orchestra reale con London Calling e inzia a pogare, colpendo al volto il fratellastro Carlo dal quale ha ereditato il naso alla Windsor. Tornati a casa Alessio, probabilmente ubriaco, orina nel The di Natale della famiglia sotto gli occhi esterrefatti di Lady Diana e prende a schiaffi un Beefeater prima di scomparire per sempre dal palazzo.
Alessio non lascia subito la città, il suo spirito ribelle ha avuto la meglio e il giovane principe non si lascia sfuggire l’occasione di partcipare agli scontri della sua squadra del cuore, il West Ham United. In venti partite di campionato “The Queen” come viene soprannominato, mette a segno almeno 9 importanti atti di Vandalismo e taglia un paio di gunners ma viene arrestato durante un pub crawl violento. Alessio, allontanato dalla casata reale, chiede aiuto a Carlo che però non fa nulla per sostenere il fratello.  La regina viene così esiliata dalla sua Inghilterra. Ormai distrutto e sconfitto dalla vita il giovane principe decide di punirsi e per vivere sceglie  il posto più brutto del mondo: Cologno Monzese.  Nel suo periodo oscuro a Cologno Alessio gioca a rugby e cosparge il suo corpo con orrendi tatuaggi per ricordare a se stesso la sua caduta dal paradiso, impara a giocare in maniera scorretta e a provocare risse ad ogni angolo di strada. La piccola principessa ha lasciato il posto ad un demonio ma nulla è ancora perso. Per sua fortuna e per quella del Rugby Cernusco l’animo nobile della “Regina” torna con forza ad affacciarsi sul dolci lineamenti di Alessio che decide di fare un ultimo passo, verso est, verso il bene, verso un altro Castello.

Cernusco diventa in breve la nuova corte di Alessio, qui il giovane principe ha la possibilità di praticare scorrettamente il rugby, di ascoltare le musiche dei Clash e di piangere a dirotto guardando Hugh Grant perdere per l’ennesima volta Julia Roberts in Nottingh Hill. Purosangue anglosassone nel tempo libero Alessio ama ancora andare allo stadio o passare i suoi sabati pomeriggio in un pub per vedere il suo West Ham, lui che in quello stadio ci è nato e che sogna un giorno di rivedere come il suo paese che ama ancora ma che, forse ingiustamente lo ha esiliato per sempre.

Ecco le onoreficenze di Alessio Giannbilo, il principe oscuro della Corona Inglese

 

Gran Maestro e Dama dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell’Ordine della Giarrettiera
Gran Maestro dell'Ordine del Cardo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell’Ordine del fuorigioco
Gran Maestro dell'Ordine di San Patrizio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell’Ordine di San Patrizio
Sovrano dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell’Ordine di Cologno in Bagno
Sovrano dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell’Ordine del Tappeto
Sovrano dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano della linea del fuorigioco immaginaria
Sovrano dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano della mano solitaria in ruck sul mediano
Sovrano dell'Order of the Companions of Honour - nastrino per uniforme ordinaria Maestro della trattenuta illegale
Gran Maestro dell'Ordine Reale di Vittoria ed Alberto - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell’Ordine Reale del tenuto a terra
Gran Maestro del Distinguished Service Order - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro di stamping illegale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Regno Unito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del tatuaggio alla cazzo
Dama dell'Ordine della Corona d'India - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell’Ordine della Corona d’India
Gran Maestro e Dama di Gran Croce del Venerabile Ordine di San Giovanni - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Dama di Gran Croce del Venerabile Ordine di San Culamo
Sovrano dell'Ordine di Burma (formalmente) - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano della non rotolata
Dama dell'Ordine Famigliare Reale di Re Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Bogotà
Dama dell'Ordine Famigliare Reale di Re Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Dama del Naviglio e di via Mozart (mmmmmmm colognooooo)
Sovrano dell'Ordine Famigliare Reale della Regina Elisabetta II - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell’Ordine dell’ignoranza
Medaglia del giubileo d'argento di Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del gioco alla merda
Medaglia dell'Incoronazione di Giorgio VI - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della ammonzione più veloce del mondo
War Medal 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito per la miglior serie di falli consecutivi
Defence Medal - nastrino per uniforme ordinaria Corona della scorrettezza evidente in campo

8 thoughts on “ALESSIO GIANNUBILO, la Regina d’Inghilterra

  1. I was also born at Upton Park on the Wirral. I remember Alessio Patrick Charles Vierà well. A cheeky sort of guy. However Elizabeth the 1st of Scotland is not the most famous queen. The most famous queen of England is Danny La Rue. Long live the queen.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi