ARCHIVIOGIOVANILIUNDER 18U18: il lavoro del cronista porta solitudine ed isolamento

22 Ottobre 20190

Piove.

Ma non come nelle poesie romantiche che vagheggiano di goccioline che echeggiano sulle tamerici salmastre ed arse. No. Piove che porcamiseria se non ci spuntano le branchie entro quindici minuti rischiamo tutti di annegare.

Piove che sono riuscito a parcheggiare nel posto lasciato libero da un tizio con la barba che aveva una specie di camper di legno con dentro un sacco di coppie di animali e se ne è andato gridando “Salpiamo verso la salvezza!”.

Piove che dalle tribune si intravedono a malapena trenta ragazzoni schierati pronti a darsele di santa ragione in barba al fatto che la partita rischia di diventare un incontro di pallanuoto. Al calcio d’inizio si capisce subito che l’incontro sarà una guerra di trincea: i giocatori scivolano vistosamente ad ogni cambio di passo o di direzione, la palla è come una saponetta unta e il campo pesante non permette agli uomini più veloci di esprimersi al meglio.

Le palle perse in avanti già nei primi minuti si susseguono ad una velocità inquietante ed i padroni di casa ne approfittano per far valere la loro forza in mischia, ricacciandoci indietro e rubando spesso il possesso.

Dopo 8 minuti di sostanziale equilibrio, ci pensa Marcone a sbloccare il risultato con una splendida meta di ignoranza prontamente trasformata da Daniel. In condizioni così ci aspettiamo tutti una partita avara di punti, quindi ogni meta fatta ha un valore enorme, perché enorme sarà la fatica che dovrà fare l’altra squadra per recuperare il gap.

Il gioco prosegue come da programma con moltissimi raggruppamenti ed una evidente difficoltà da parte di tutti i ragazzi di controllare non solo i passaggi ma persino la traiettoria di corsa. Tanto i nostri quanto gli avversari cercano di adattarsi al meglio alle condizioni di gioco, accorciando i passaggi e puntando su azioni semplici ma efficaci. È tutto un susseguirsi di punti di incontro o, per dirla alla vecchia maniera, di sportellate belle e buone.

Al ventiseiesimo del primo tempo il Verbania sfrutta egregiamente uno dei tanti raggruppamenti per segnare la meta del pareggio. Va da se che per questa segnatura vale lo stesso ragionamento fatto per la nostra prima segnatura: recuperare non sarà facile. Ci vorranno impegno, concentrazione, nervi saldi e acume tattico perché come ci ha insegnato a suo tempo coach Martino (che dell’acume tattico ha sempre fatto la propria bandiera), in questo sport chi fa più punti vince.

Deve essere per questo che coach Michele decide di fare alcuni importanti cambiamenti nell’intervallo. Sugli spalti il pubblico, che ormai più che seduto è aggrappato alle gradinate come i naufraghi del Titanic alle scialuppe, si spinge in ardite ed approfondite analisi tecniche, agevolato anche dall’ottima visibilità assicurata dalla pioggia:

“ma quello chi è?”

“chi?”

“quello alto con la maglia numero… numero… boh non lo vedo”

“ma chi quello laggiù? ma è tuo figlio!”

“dici? Ma mio figlio non aveva il caschetto, scusa?”

“ah perché quelli dici che sono i capelli? Scusa sai, gli occhiali bagnati… allora mi sa che è mio figlio. Oppure l’abitro…”

Sta di fatto che grazie al nuovo schieramento la mischia acquista più solidità e questo basta ai nostri ragazzi per acquistare la sicurezza che serve a mandare Barney in meta dopo appena quattro minuti di gioco nella ripresa.

7 a 14.

Come prevedibile, il tabellone non subirà più alcun cambiamento fino al fischio finale, nonostante una battaglia davvero durissima e un impegno notevole speso da entrambe le squadre.

Una partita difficile, stancante, dura e molto corretta, grazie anche alla competenza ed alla preparazione del giudice di gara che è riuscito a tenere altissima la disciplina in campo nonostante la stanchezza di tutti i giocatori e la frustrazione per non potersi esprimere al meglio in condizioni tanto proibitive.

Dopo la partenza in sordina contro il Parabiago, i nostri si riscattano con questo ottimo risultato e portano in trionfo Lupo, giustamente eletto migliore in campo al suo esordio come numero 8: un vero leone.

Bagnato.

Unica nota negativa della giornata: per qualche strano motivo ci sono sempre meno persone disposte a rivolgermi la parola sia prima che durante le partite. Mi avevano detto che il lavoro del cronista porta solitudine ed isolamento, ma non pensavo che accadesse tutto così in fretta!

Che altro dire se non: Forza CE!

Rispondi

I NOSTRI SPONSOR

https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/Cheers-Pub-Milano-e1475760273392.jpg?fit=150%2C122
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/nuovo-logo_termostampi1-e1475760252771.png?fit=150%2C124
https://i0.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/mobilissimo.jpg?fit=150%2C150
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/soup.jpg?fit=160%2C160
https://i0.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/SFA.png?fit=271%2C88
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/LANODICA.jpg?fit=160%2C34
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/GPONE.png?fit=225%2C150
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/MCV.jpg?fit=160%2C87
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/Vanity-dog.jpg?fit=160%2C160
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/prime-alture.jpg?fit=160%2C160

IOCECREDO

QUARANTANNI fa' siamo nati, , OGGI siamo qui e DOMANI saremo sempre CE!!

NEWSLETTER

Email Addres

Please select all the ways you would like to hear from Rugby CE:

You can unsubscribe at any time by clicking the link in the footer of our emails. For information about our privacy practices, please visit our website.

We use MailChimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to MailChimp for processing. Learn more about MailChimp’s privacy practices here.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi