home ARCHIVIO, UNDER 8 CErnotti a Calvisano: per vincere domani!!!

CErnotti a Calvisano: per vincere domani!!!

Questa è la storia di un gruppo di ragazzini che si trasferisce nella ridente cittadina di Cernusco sul Naviglio.
Qui i nostri eroi conoscono l’addetto alle manutenzione della Club House, un gentile, eccentrico e immigrato ligure di nome Kesuke Miyagrassi. Vittime del bullismo dei coetanei, i ragazzini vengono difesi dal vecchio che interviene mostrando insospettabili abilità nel placcaggio.
Così i nostri piccoli eroi chiedono a Miyagrassi di insegnar loro il gioco del Rugby.
Miyagrassi inizia l’allenamento, con il patto che i suoi nuovi allievi, da quel momento soprannominati CErnotti, non dovranno fare domande sui suoi metodi, qualunque cosa gli venga chiesta di fare. Dopodiché, quando i CErnotti accettano, assegna loro diversi lavori umili e faticosi, che sembrano non avere nulla a che fare con l’arte del Rugby. I ragazzi si arrabbiano sempre di più; tuttavia, quando Miyagrassi attacca i CErnotti in una dimostrazione pratica, i ragazzi si difendono grazie alla memoria muscolare dei compiti svolti. Il loro legame si solidifica sempre di più e attraverso l’insegnamento del maestro, i ragazzi imparano importanti lezioni di vita. I 3 principi fondamentali del Rugby (Avanzare! Sostenere! Continuare!!!) si dimostrano principi di vita.

Finalmente arriva il giorno del torneo nazionale di Calvisano…
Al torneo, i CErnotti subiscono subito una pesante sconfitta per conto dei fortissimi coetanei di Padova. Myiagrassi decide così di usare una particolare tecnica di soppressione del malumore per poter continuare a combattere. I ragazzi, ispirati dall’aggressività di Daniel-San, riescono così a battere le altre squadre del girone. Manca solo una partita al termine del girone: I CErnotti sono attesi dai cugini (alla lontana) della scuola Kobra-AU. Per l’occasione Myiagrassi insegna a Daniel-San il passo della gru: un gesto tecnico che ha reso noto in gioventù il maestro ligure. I nostri ragazzi si impegnano al massimo ma, ad un passo dalla vittoria, arriva una discutibile meta che pareggia i conti sul fischio finale. Grazie agli anni di esercitazione nella meditazione Zen, il maestro riesce a superare il momento e ad ispirare i ragazzi per la finalina che viene vinta in scioltezza portando a Cernusco un 5° posto finale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi