home PRIMA SQUADRA, STORIA Intervista a Niccolò Lasorsa

Intervista a Niccolò Lasorsa

Il Campionato sta per iniziare e prediamo l’occasione di parlare con l’Head Coach del Cernusco Niccolò Lasorsa [NLB] Borgomaneri al quale rivolgiamo una serie di domande sull’inizio della Stagione

Nick sei una figura nota sulla Martesana, da quanto tempo sei a Cernusco?

[NLB] A pensarci mi verrebbe da dire da tutta la vita ma in fondo è solo dal 1998 dopo essermi innamorato del rugby in Spagna

Da quanto tempo alleni a Cernusco (percorso professionale)?

[NLB] Dopo aver concluso la carriera da giocatore, l’allenatore dell’epoca (oggi accompagnatore della Seniores) Franco Damiani mi chiese di
dare un aiuto alla mischia. Era il 2010. Poi ho fatto l’allenatore della mischia della seniores, in seguito dopo aver preso il primo livello ho
allenato l’Under 23 (esperienza entusiasmante) e poi ancora in prima squadra a fare l’allenatore dei trequarti. Dopo aver conseguito il secondo
livello, tre anni fa, la Società mi ha dato la responsabilità e l’onore di allenare la prima squadra come head coach.

Perchè ti piace il Rugby?

[NLB] Perchè ha tutto quello che si può desiderare da uno sport. Agonismo, cameratismo, spirito di sofferenza, botte e birra.
Per me è stata una scoperta in tarda età dopo aver fatto altri milioni di sport ed ancora adesso lo trovo una scuola di vita, una metafora
della quotidianità

È quello che amo

Migliore partita da allenatore

[NLB] sempre quella che deve ancora venire. Perchè ogni domenica per un allenatore è un esame sul lavoro della settimana…
Certo se devo citarne una… il derby vinto l’anno scorso. Il primo da allenatore.

Quando hai deciso di fare l’allenatore e perché?

[NLB] Quando la mia spalla ha presentato il conto dei 15 anni in prima linea ed il mio allenatore decise di farmi fare più panchina che campo
decisi che forse smettendo presto sarei potuto diventare un buon allenatore dal medio giocatore che ero stato.
Non ero (e non credo di esserlo neanche ora) pronto a rinunciare a tutto quello che il rugby ti da.

Quest’anno mi sembra di capire dalle tue parole che la Società si sia impegnata ancora di più per garantirvi i massimi risultati possibili?

[NLB] Abbiamo un accompagnatore di livello al quale possiamo chiedere anche consigli tecnici essendo stato per anni in panchina e godendo della
nostra totale fiducia, abbiamo una preparatrice atletica, Marta Rigon (anche giocatrice della nostra squadra femminile), che sta portando
avanti in modo splendido, dandoci tutto il suo tempo, il lavoro svolto da un ex giocatore, abbiamo una nuova macchina di mischia per poter
lavorare la tecnica di base in modo migliore e la società ha fatto ogni sforzo per accontentare i nostri desideri di viziare i ragazzi fornendo
loro il nuovo materiale da gara dello sponsor tecnico Macron che ci accompagna dall’anno scorso.

Il team della prima squadra è composta anche da Sala e Occelli, come vi dividete i compiti?

[NLB] innanzitutto devo premettere che senza di loro non potrei svolgere quello che mia figlia chiama il mio primo lavoro.
Ci supportiamo, in campo, fuori e nell’organizzazione degli allenamenti.
Denis cura l’organizzazione difensiva
Occe cura gli avanti in mischia chiusa e tutti i particolari specifici essendo quello con più anni di esperienza
Io cerco di confezionare il prodotto finale nel modo migliore possibile

Domenica inizia il campionato che rinforzi avete avuto nella campagna acquisti? e se sonoa rrivati elementi validi dal Vivaio (la cantera)

[NLB] Anche se non la possiamo chiamare campagna acquisti a questo livello questa stagione sono arrivati dei nuovi validi elementi: Dario Dalla
Mariga, pilone, cresciuto a Cernusco e andato a fare esperienza all’ASR, Andrea Salvini, trequarti, anche lui un passato nelle giovanili
dell’ASR e da anni in forza alla Stella Nera, Giorgio Verduci, trequarti, che giocava alla Stella Nera, Edgardo Lopez, pilone, che giocava
nella Old del Cernusco e vuole togliersi qualche soddisfazione in prima squadra, Christopher Sanchez, terza linea-pilone, prodotto della
giovanili del Cernusco tornato da un esperienza lavorativa all’estero.
Dalla cantera sono arrivati tre elementi validissimi che si stanno facendo largo a suon di allenamenti grintosi: Buratti, Scioscia e Gamaleri.

Credo che se continueranno così parecchi “vecchi” dovranno stare attenti al loro posto in prima squadra.

Hai già idea del suo XV ideale o siamo ancora in una fase di esperimenti?

[NLB] Nonostante i giocatori siano al momento spaventati e preoccupati per capire se giocheranno e dove giocheranno abbiamo le idee piuttosto
chiare sia di come vogliamo iniziare come stile gioco e dove vogliamo arrivare lavorando sulle individualità migliori e più versatili.
Una piccola nota è anche quella che a livello dilettantistico come il nostro è difficile che i ragazzi si prendano tutti l’impegno di fare tre  allenamenti a settimana ed ovviamente anche questo pesa e peserà nelle nostre scelte di come organizzare il XV ideale.

Quali sono gli Obiettivi stagionali?
[NLB] ho iniziato ad allenare nel 2010, sono interista, era l’anno del triplete, mi piaceautochiamarmi (tra le risate generali) il Mourinho
della Martesana. Ma mi piace pensare (l’ho studiato molto) di avere anche qualcosa della sua carica e della sua personalità. Questo per dire
che al terzo anno del nostro progetto non temiamo nessuno. Andremo sempre in campo per vincere ogni singola partita. ma vi dirò di più: credo
che abbiamo le potenzialità per farlo davvero.

In Bocca al lupo

 

 

»crosslinked«

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi