home ARCHIVIO, UNDER 8 PARLIAMO DELL’UNDER 8

PARLIAMO DELL’UNDER 8

Vogliamo parlare di Under 8 senza mettere in evidenza prestazioni sportive , tornei vinti o persi o singoli atleti .
Vogliamo parlare ai genitori e non solo, di quello che fino a oggi è stato il percorso educativo di questo gruppo di bambini che in pochi mesi si sta plasmando in una vera squadra di Rugby

Siamo partiti circa tre mesi fa in questa nuova avventura educativa e come tutte le nuove sfide è importante dare uno sguardo al percorso intrapreso e focalizzare se i primi traguardi che noi educatori ci siamo posti a inizio anno sono stati metabolizzati dai nostri piccoli grandi atleti.

Subito a settembre ci è parso evidente che il gruppo era molto acerbo , se si accetta che l’obiettivo non è vincere ma dare gli strumenti per poter giocare a rugby, il tutto non rappresenta un problema anzi un’opportunità.
E’ molto più semplice avere un gruppo mediamente più ‘acerbo’ perché la crescita della squadra nel suo complesso diventa omogenea .

L’aspetto che subito ci è sembrato fondamentale con così tanti bambini (a oggi abbiamo iscritti 27 bambini) era e lo è ancora cercare di avere la massima attenzione durante l’allenamento e il giusto entusiasmo per venire al campo mercoledì , sabato e domenica .
Grazie al numero degli educatori presenti in questa Under con la regia del mitico Mario credo che questa prima meta sia stata realizzata .
Possiamo dire che è stato importante per questo primo obiettivo anche la collaborazione di tutti i genitori , sopratutto a tutti i nuovi che hanno conosciuto quest’anno il Rugby Cernusco.

Secondo obiettivo, ma possiamo anche metterlo come primo e cambiando l’ordine il risultato non cambia, è cercare di dare gli strumenti per giocare il più possibile in sicurezza .
Saper cadere , saper placcare , andare all’impatto, sostenere i compagni, passare la palla sono movimenti basici non solo per giocare bene a rugby, ma fondamentali per giocare il più possibile in sicurezza .
Come avete potuto vedere, rispetto agli avversari incontrati in questi mesi, il nostro gruppo è mediamente dal lato fisico meno dotato quindi dobbiamo fare gesti tecnici migliori rispetto alla concorrenza in primis per non farci male .
In questo secondo punto possiamo dire che oggi circa 80% dei bambini può affrontare una squadra avversaria avendo le giuste capacità per un confronto in sicurezza.
Il lavoro a volte ripetitivo serve per lasciare un imprinting , ‘ placcaggio basso ‘ sarà la frase che non mancherà nel vocabolario dei vostri figli , così come ‘sostegno’ o ‘risalita difensiva ‘tutti termini che nel percorso rugbistico saranno assimilati come mangiare la pasta al pomodoro a tavola.

L’aspetto che apprezziamo di più da questo squadra è l’ effetto ”spugna” cioè vedere come il lavoro svolto durante gli allenamenti si evidenzi alla domenica durante i tornei .
Lo ammetto per tutti noi educatori questo rappresenta oltre a soddisfazione la miglior moneta per il tempo messo a disposizione.

Ci piace pensare che le basi non solo tecniche ma anche educative come sacrificio, impegno,rispetto, amicizia , coraggio che oggi stiamo provando a insegnare ai vostri figli potranno essere le basi corrette sia per il gioco del rugby sia per la vita quotidiana.

Tutti gli educatori Under8 CE

7 thoughts on “PARLIAMO DELL’UNDER 8

  1. Io da mamma sentimentale e con la lacrima facile vorrei ringraziare gli allenatori x l impegno e la passione messa in ogni allenamento oltre al lato meramente sportivo x me è anche la palestra per allenare mio figlio a diventare grande
    Forza CE
    Forza allenatori

  2. Davvero bello ed emozionante leggere queste vostre riflessioni che lasciano trapelare amore per quello che fate e che volete insegnare ai nostri piccoli in campo e nella vita!
    E, lasciatemi dire, quanto impegno c’è per trasmettere ai bambini la disciplina, lo spirito di squadra, il rispetto per ogni compagno e per le diversità di ogni componente della squadra!
    Ognuno di voi, ricordiamocelo, per dedicarsi ad un allenamento o ad una partita dei nostri figli sottrae tempo a qualcos’altro o qualcun altro, e non tutti lo farebbero!!! Mi viene in mente, ma è solo un piccolo esempio, uno dei nostri allenatori che, alla fine del torneo di Velate, ha “restituito” i piccoli under 8 a noi genitori per andare a vedere un pezzo di partita del suo!
    Un grazie quindi per il tempo e l’attenzione dedicata ai nostri bambini.

    Stefi 🙂

  3. Solo un GRAZIE a voi,state facendo un grande lavoro di educazione sportiva e sociale,e si stà creando un buon gruppo sia tra U8 che noi genitori….ho entusiasmente visto un gran miglioramento a Velate…continuate/niamo così

  4. La serietà dei nostri educatori rappresenta il punto di partenza per la crescita e la maturazione dei nostri bimbi. Grazie a tutti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi