home STORIA Milano Rugby Festival 2013: La grande festa del CE. Grazie

Milano Rugby Festival 2013: La grande festa del CE. Grazie

Abbiamo ancora tutti in mente la meta più bella del Torneo. Sono le 10 di domenica mattina, ci sono pochi intimi in campo e fuori. Ad un certo punto nel campo spunta una carrozzina e in campo tutti, arbitri compresi, aiutano a spingere gli Ingolstaad Baboons in meta E per festeggiare tutti insieme la voglia di stare insieme con o senza palla ovale. Ecco il significato di una festa che ogni hanno si supera.

E diciamo grazie a tutti voi, che avete lavorato, contribuito per rendere Cernusco, il Rugby Cernusco, il CE, il centro d’Europa per quanto riguarda il Rugby, è un grazie che vi diciamo a tutti, dai ragazzini dell’Under 14 che hanno raccattato le palle sui campi, ai genitori che hanno cucinato salamelle ininterottamente per 4 giorni. All’Under 20 e alla 23 che ha smontato e montato la Festa, a tutto il CE che è stato ancora una volta GRANDE! Grazie.

Il rugby Social, il modo di vivere una festa dello sport che ha contagiato una città e un popolo, che finalmente è tornato a condividere valori e atmosfera unici in italia e in europa. Dopo il calcio di inizio dell’assessore allo sport di Cernusco Ermanno Zacchetti al Milano Rugby Festival si sono scontrate 40 squadre, con più 100 partite giovate in due giorni  e tanti trofei per chi gioca forte in campo e per chi è più bravo a fare festa.  18.000 litri di birra, quasi 10.000 persone nel weekend, una festa indimenticabile tra pirati e costumi e oltre 3000 euro donati in beneficenza alla associazione Jack gli occhi della Speranza. Note negative? Un solo cartellino giallo, per proteste. Ecco la festa che ci ha cambiato come associazione e che ci permette ogni anno di unire il nostro nome, quello del Rugby Cernusco, alla città e alla sua voglia di sport. Vogliamo dire grazie a tutti i nostri tesserati, e ai nostri amici che per 4 giorni hanno lavorato sodo per farci diventare quello che siamo adesso. Vogliamo dire grazie ai nostri ospiti, ai nazionali Festuccia e Favaro e al super tecnico Vittorio Munari che nonostante i loro caps in nazionale e la loro fama si sono uniti al nostro spirito, dimostrandoci che siamo sulla strada giusta. Vogliamo dire grazie al comune di Cernusco e al sindaco Comincini che bagnato dalla birra della sua pinta, bevuta tutta di un colpo,  ci ha guardato e ci ha fatto capire che la città è orgogliosa di no. Voglia ringraziare i vigili di Cernusco e tutto il sistema di ordine pubblico per aver consentito alla gente di godere un momento speciale, assieme all’Oratorio Sacer, agli Alpini e al Comitato Regionale Rugby. Vogliamo ringraziare i nostri sponsor Alcaltel, One Touch, Gruppo Casa, Rino Grafica, Cheers, Termostampi e Ottica Viganò per la passione con la quale ci hanno aiutato e il Circolo fotografico Carpe Diem per gli innumerevoli scatti. Infine un ringraziamento speciale a Jack e alla sua magica associazione: le persone dal cuore d’oro siete voi e per noi il fatto di vedervi li al nostro fianco è e sarà per sempre un motivo di orgoglio. Ti vogliamo bene piccolo, ti sosterremo sempre.

Per le foto e tutto il reportage dell’evento guarda il sito e la pagina Facebook del Milano Rugby Festival

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi