home CADETTI UNDER 23: Genova: non è la mia città

UNDER 23: Genova: non è la mia città

L'under 23 pronta per giocare contro il Genova
L’under 23 pronta per giocare contro il Genova

Questa settimana il duo della Martesana Mou-AVB potrà disporre della leva del ’94 su gentile concessione della loro Under 20.

La partita di andata aveva registrato una pesante sconfitta per 7 mete a zero e quindi Domenica gli ODC saranno chiamati a vendicare tale umiliazione.

La prima linea potrebbe essere di peso con il rientro del Keniota Alfred nella sua posizione naturale di pilone e la conferma di capitan Albania come tallonatore affiancato dal buon Pistacchio ma fremono ai box anche il rude Ghido e lo spaesato Aldo (se riuscirà a leggere le convocazioni).

In seconda linea il famigerato duo Franky-boy e Parola si vede assediato dal pasticcere Giberti che oramai fa uso di Redbull anche per andare a prendere il giornale e dal giovane Vagabondo che pare si sia perso in una focacceria di Recco.

La terza linea di esperienza vede l’orifiamma Italiana e il Santo Bevitore Benussi accompagnati dai possibili utility-cane Loris, dal multitasking Ghidotti, dal pasticcere Giberti o dal dimagrito Frig impegnato con gli studi.

In mediana sicura la presenza dell’olandese volante Gabbo e dal gallese Halfpenny (unico al momento ad avere giocato il 100% delle partite) ad alimentare l’estro e la fantasia di Kovacic Di Pietro che potrebbe essere accompagnato dal sempre vecchio Calogero Senior in attesa di ritrovare l’eroico Gabbiano (doppia frattura alla mano) e SBW Testa ancora alle prese con i suoi infortuni.

Il triangolo arretrato vede il ritorno di Balotelli Konè, il giovane Floriano eterno infortunato, del tenebroso Manzoni, del desaparecidos Marley, dell’enigmatico Pippo Calo e mai più tornò Monaco e dell’odiato Billa giocarsi la presenza dal primo minuto.

Il culturista Frigerio interrogato sulla partita ha dichiarato: “A noi della partita non ce ne frega un c*** noi siamo vicini al nostro compagno Giacomino in questo triste momento”.

Anche la società e gli allenatori Lasorsa-Sala si stringono come una famiglia vicino al giovane Bertazzoli ed alla sua famiglia per la perdita del nonno.

Forza CE c’è un motivo in più per impegnarsi domenica.

Appuntamento alle 12.30 al Castello perché come disse Gino Paoli “Genova non è la mia città”. Figuratevi la nostra…

»crosslinked«

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi