home ARCHIVIO Marcello Barisione: un Rugbysta dallo spazio

Marcello Barisione: un Rugbysta dallo spazio

21 Luglio 1969, Mare della tranquillità, Luna

Tutto il mondo è incollato al televisore, aspettando che dal Lem escano gli astronauti
per mettere piede sulla superficie lunare. E’ di certo un giorno importante per l’umanità, ma nessuno sa che quel giorno è anche destinato a cambiare il mondo del Rugby. Per sempre.
Mentre Neil salta giù dalla scaletta dice la frase che è nella memoria di tutti: “One small step for a man, giant leap for the mankind”. La cosa che in pochi sanno è che il Giant Leap al quale si riferisce Neil Armstrong, non è solo figurato ma è davvero un grande balzo.
Il viaggio rimane nella storia dell’umanità, nonostante che ne dicano i complottisti, ed al ritorno tra i vari reperti che i 3 eroi americani riportano sulla terra ci sono 2 pietre. Catalogate come XBB e XBF e vengono archiviate presso l’ufficio di Catalogazione di Detroit della Nasa dove restano immobili in attesa del loro destino.

16 Ottobre 1974, Detroit, Michigan
I Reperti XBB e XBF sono ormai stati analizzati e nulla d’interessante è stato riscontrato. Il responso parla solo di alcuni Rocce spaziali anche se il loro status è classificato come ABOVE TOP SECRET.
Nel gruppo di sorveglianza dei reperti dell’Apollo 11 intanto è stato appena assunto un giovane Ragazzo Russo, un grande esperto di Sport americani, immigrato da Mosca con un sogno, giocare nei Detroit Red Wings , ma, dopo che un brutto infortunio al braccio lo ha bloccato, ed il KGB lo ha ingaggiato come spia. Il suo nome è Марчэлло Ди Ваио .
La sua missione è semplice rubare i frammenti lunari e portare  XBB e XBF a Mosca. Qualcuno, al politburo ha deciso che quelle due pietre potrebbero cambiare il mondo. Alcuni parlano di risonanze cosmiche, altri di poteri legati alle attività di salto, alcuni documenti parlano anche di universi alternativi. Nessuno conosce di preciso le loro caratteristiche ma tutti vogliono averle. L’agente trafuga le pietre dalla Joe Luis Arena di Detroit ma mentre è in volo sull’Italia le due pietre quasi vive scompaiono dalle mani del giovane russo e di loro non si ha più nessuna traccia.
Nello stesso momento a Milano una signora di nome Marzia nota come “la Leonessa” è nel ristorante “Lo scorpione giallo” di Hanzo Hasashi  e, mentre è incinta, mangia una quantità eccessiva di Zenzero e si sente male. Ricoverata presso la clinica Mangiagalli  dopo uno stato di trance durato 8 ore da alla luce un giovane bambino di nome Marcello. Appena nato il piccolo sembra in buona salute ma nessuno sa che il suo contenuto radioattivo è di 16 volte superiore alla norma e che nelle sue membra è stato nascosto il mistero della XBB e XBF

26 Aprile 1986, Chernobyl, URSS
Sono passati 12 anni da quando l’agente Ди Ваио ha fallito la sua missione, ma le poche informazioni acquisite hanno portato gli scienzati del Kgb ad una certezza, una forte esplosione nucleare combinata ad una forte componente di Zingiberene potrebbe risvegliare il potere di quelle pietre e capire a cosa servono realmente. Il resto è storia, un’incidente provocato dai Russi porta il reattore 4 della centrale all’esplosione seminando la distruzione radioattiva nella vicina Bielorussia prima e in tutta l’Europa dopo.
Anche la Nasa è al corrente delle proprietà radioattive delle pietre trafugate e con esplosione atomica di Chernobyl sa anche che il sistema XBB XBF potrebbe avere la sua genesi. I rapporti sono ancora coperti dal segreto militare ma pare che le due rocce combinate da risonanza cosmica possano trasmettere ai soggetti particolari poteri ma nonostante il tentativo russo nessuno sa ancora dove sono finite quelle pietre lunari.

Anni novanta
La NASA ingaggia un poliziotto di Detroit, Alex Murphy per capire dove sono finiti i reperti e come hanno influito sulle persone. Finito in Italia su indicazione dell’ormai alleato KGB Murphy trova all’istituto Feltrinelli un giovanotto, portiere del La Spezia Calcio che pare risponda alle indicazioni ricevute. Il cerchio si stinge attorno a Marcello che, inconsapevole di quello gira attorno a lui continua a sparare magnum e infrangere la legge con atti di valido vandalismo nei palazzetti dell’Hockey Saima e presso i bagni dei ristoranti che frequenta.
Assieme a Murphy arrivano anche Eric Adams che come copertura fa il cantante dei Manowar ma in realtà è uno scienziato musicale esperto in risonanza cosmica. Anni di tentativi con Musica Heavy Metal, Basket e Calcio non soddisfano Murphy e Eric Adams. Lo soluzione arriva da Luca Bolli, amico di Marcello ed esperto percussionista che consiglia ai due di creare una canzone capace di risvegliare XBB e XBF. Eric Adams crea così Demon’s Whip. Il ritmo studiato per entrare in vibrazione con le pietre imprigiona Marcello nell’Epic Metal e consente finalmente al mondo di conoscere il segreto delle pietre. Con la musica dei re del Metallo i resti delle pietre contenuti in Marcello entrano in risonanza cosmica. La capacità di ignoranza basica e di azione fisica vengono decuplicate, i contanti nel portafoglio e le sigarette scompaiono dalla sua armatura e una strana sostanza esce dai capelli consegnando al giovane portiere (numero 1 non 12 Cerutti) della Barona un capacità unica: il salto astrale.
Ancora Luca Bolli, soprannominato il master, ispira  Marcello che congedatosi da Basket e Calcio si dedica finalmente ad una attività in grado di valorizzare le caratteristiche di XBB e XBF: il Salto in Touche e il mondo del Rugby e fonda pochi anni dopo una sua agenzia spaziale, la CCESA di cui è ancora amministratore unico e della quale si prepara una stagione all’insegna dello spazio.

Settembre 2000, Cernusco sul Naviglio, Italia

XBB e XBF amplificano i poteri di Marcello che prende le sembianze di Ciccio, ma dopo anni non hanno ancora un significato preciso. Vivere XBB e XBF diviene concezione stessa dell’universo e dello spazio tempo. Il movimento di un corpo tra gli anni e la materia diventa una filosofia di vita, grazie ai tanti compagni che gli danno la possibilità di saltare in Touche più in alto di qualsiasi essere umano. Da quel giorno Marcello sarà una colonna portante del Cernusco. Nasa e Kgb dicono che XBB e XBF andranno perdute nel tempo ma a quanto pare, dal 13/12/11 la dinastia è destinata a continuare. Gli stessi livelli di radioattività sono stati rilevati ancora alla Mangiagalli  mentre Robocop e Scorpion sono ancora in circolazione

»crosslinked«

10 thoughts on “Marcello Barisione: un Rugbysta dallo spazio

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi