home PRIMA SQUADRA Colpo di Testa: Cernusco – Dalmine 14 – 20.

Colpo di Testa: Cernusco – Dalmine 14 – 20.

Il Cernusco si schianta a tutta velocità nel fango del Castello e perde l’imbattibilità (sulla carta) nella stagione. Il Dalmine vince la sua seconda gara consecutiva in casa contro i Runners apparsi in grave involuzione tattica e poco aggressivi.
Inizia bene il Dalmine che con calci di spostamento e spessore in mischia non lascia spazio alla fantasia del Cernusco. Amore e Vagliani vogliono fare correre la squadra ma il fango fa presa sulle gambe di Rescigno, Coropcean e Calogero che restano impantanati mentre i Dalmine fa viaggiare il pallone piuttosto che i suoi. Il risultato? Una meta sfiorata, una trasformata e un calcio per gli uomini di acciaio che sono 10-0 a metà tempo. Il Cernusco reagisce, Assandro prova a prendere per mano la squadra e arriva la meta di potenza ad opera del capitano trasformata da Cerutti. La ripresa è giocata a ritmo bassisimo da entrambe le squadre, il Cernusco sembra più incisivo ma non riesce mai a colpire i rivali che invece vanno a segno con due calci che poi risulteranno decisivi, la squadra comandata dal Gen. Gazzoni comincia a giocare secondo le indicazioni che le sono state date la settimana e a pochi minuti dalla fine un azione orchestrata dalla coppia Amore e Vagliani manda in meta Testa (alla terza marcatura stagionale, nelle ultime 3 partite), mandando in visibilio il Gruppo Cynar ed i Tifosi presenti al Castello nonostante il brutto tempo. La trasformazione di Cerutti porta i Road Runners in vantaggio. Sembra finita, ma il Dalmine non si scoraggia anzi, a tempo quasi scaduto gli Steelers riescono a segnare la meta del vantaggio grazie ad un’azione veloce giocata dopo un errore di valutazione del Cernusco, il risultato è fissato sul 14 a 20.
Negli ultimi 3 minuti il cuore Grigioamaranto batte fortissimo e il Cernusco prova in ogni modo a superare la linea d’acciaio eretta dal Dalmine, ma c’è poco da fare, tutto inutile, l’arbitro fischia la fine, ed in un Castello infagato il Cernusco perde un’importante occasione di vittoria.

Cernusco – Damine 14-20(7-10)

Brambilla (Testa), Rescigno, Coropceanu, Cerutti Calogero G (Sironi), Amore, Vagliani, Assandro (cap), Barbieri, Barilla (Petretta), Giannubilo, Mariotti ( Barisione), Biasoli (Filippis), Caserini, Mucci

Mete: Assandro, Testa
tr. Cerutti (2)

n.e. Campanale, Gigliotti

amm. Coropceanu

Best Player: Testa
Fc Award: Filippis, blasfemia e turpiloquio

 

Brambilla 5,5: sicuramente il campo non si addice al suo passo leggero, c’è da dire che però è meglio quando contrattaca palla in mano che quando prova il calcio tattico.

Rescigno 6: torna dopo l’infortunio e ha gran voglia di giocare. Palla in mano fa sempre danni. Rientro positivo.

Cerutti 5: nel pantano un panzer come lui dovrebbe farla da padrone, anche perchè i suoi dirimpettai sono sicuramente più scarsi. E invece i cingoli rimangono impantanati, sfortunato al piede, potrebbe far cambiare la partita ma un soffio di vento cambia direzione al pallone.

Coropcean 5: lui più di tutti soffre questo tipo di campo. Si rende sempre pericoloso, peccato solo che un fallo di reazione gli costi il giallo e 10 minuti fuori nel momento cruciale della partita.

Calogero G 6: meno produttivo di Rescigno ma attento a presidiare la sua zona dove….”non fa passare lo straniero”!

Amore 5: per tutto il primo tempo disattende il piano di gioco impostato durante la settimana e la squadra soffre, un po meglio nel secondo tempo.

Vagliani 5: bene nel primo tempo quando taglia e cuce il gioco fra 3/4 e avanti. Si fa prendere però dalla frenesia nel momento cruciale della partita.

Assandro 5: dovrebbe guidare i suoi alla riscossa e invece nel primo tempo il ball carrier lo fa fare a qualcun altro bravo a gestire il rapporto col direttore di gara in una partita cosi difficile, sceglie la cosa sbagliata al momento sbagliato nel finale.

Barbieri 5,5: solidissimo in difesa, fatica ancora a trovare i tempi in attacco.

Barrila 5,5: esordio dal primo minuto in una partita veramente difficile, ci prova e non sempre ci riesce. Con applicazione e fatica troverà il suo posto nell’organico.

Giannubilo 5: primo tempo faticosissimo nelle fasi statiche, meglio in quelle dinamiche anche se non ci sembra la persona più adatta a portare avanti la palla. nel secondo tempo con l’ingresso di Barisione migliora in touch, cala nel finale.

Mariotti 5,5: meno peggio della domenica precedente, si fa pizzicare in evidente fuorigioco e fa una fatica enorme in touch.

Mucci 5,5: domenica faticosa in mischia ordinata, bravo però nel presidio delle fasi di pick and go degli avversari.

Caserini 5: anche lui soffre tantissimo in mischia ordinata, un po meglio nella fase dinamica. Primo tempo da dimenticare al lancio.

Biasoli 5,5: stesso discorso fatto per Mucci.

Barisione 6: entra e mette subito ordine in touch, essendo più fresco trova anche buoni break.

Petretta 6: anche per lui buon impatto sulla gara, fa il suo e lo fa bene.

Testa 6,5: entra in una linea stanca e affaticata e trova lo spunto per la meta del momentaneo vantaggio, sempre produttivo nell’uno contro uno.

Filippis 5,5: anche lui fatica di fronte alla prima linea del Dalmine.

Sironi 6: entra nel secondo tempo e prova a portare avanti la squadra, sicuramente non bello stilisticamente il suo gioco ma sempre efficace.

Campanale, Gigliotti s.v.(ma di stima 7): non entrano ma sono sempre una presenza importante per i compagni.

Magnoni 5: solo perchè odia il fango.

La Mattina 3: perchè è giusto cosi.

Gruppo Cynar 10: sempre presenti e rumorosi.

»crosslinked«

2 thoughts on “Colpo di Testa: Cernusco – Dalmine 14 – 20.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi