home ARCHIVIO, PRIMA SQUADRA Ave Cologno, alea iacta est

Ave Cologno, alea iacta est

Un Pontarius del sud. Il possente Langellottiam

Il Colosseo di Cisunsculum è pronto ad ospitare i giochi di primavera con un avversario che non ha bisogno di presentazione, il Rugby Cologno, lanciatissimo in classifica e pronto a giocarsi fuori casa il secondo derby della stagione dopo la vittoria di misura in casa.

Ai giochi primaverili sarà presente tutta la città sul cui stemma campeggia l’anfora ritrovata nel secolo scorso, contenenti le ceneri di Road Runnerio il fondatore della città. Nel centro, una linea serpeggiante di colore azzurro , rappresenta il naviglio che ebbe gran parte nella storia del paese. Nella metà inferiore una torre medioevale, campeggiante su una distesa verde, ricorda come Cernusco, nell’ultimo medioevo sia stata una fortezza inespugnabile.

Addestrati nelle fornaci di Fornarolium dal grande allenatore di guerrieri  Damianus e dei suoi valorosi generali Borgomanerum e Zapparolium ecco i Road Runners che intratterranno l’imperatore Viterbi per la sua domenica con il popolo:

I Reziari: i fratelli Calogeros – Il reziario, è una delle classi gladiatorie dell’antica Roma e combatte con un equipaggiamento simile a quello utilizzato dai pescatori, una rete munita di pesi per avvolgere l’avversario, un tridente (la fuscina) ed un pugnale (il pugio). Leggeri , ma scattanti e bene armati i fratelli Calogero dovranno difendersi dagli attacchi dell’iride ma anche affondare il loro pugio al momento giusto.

Il Vesuvium: Petrettam – Forgiato dalla lava del monte sacro al nord è un abile guierriero dotato forza disumana. Addestrato nella palestra grande di Pompai combatte per ore senza mai lamentarsi. Usato nel tempo libero come animale da soma ama la cucina etnica del suo popolo.

Il Trace: Vitus- Dai guerrieri della Tracia (Bulgaria) ecco il gladiatore dell’est alvaro Vitaly armato dalla sua velocità e del suo ghigno infernale capace di spaventare anche più di un gladiatore

Il Secutor: Rescignus – (l’inseguitore) è una categorie speciale di gladiatore e il suo scopo è unico: inseguire a tutti i costi il nemico sino all’estremo compimento. Dotato di armi leggere il gladiatore di origini zaurre è rinomato per la sua velocità e la sua potenza. Il Secutor è una unità di elite capace di cambiare le sorti di qualsiasi combattimento.

Lo Scissor: Italianum – Questo raro tipo di gladiatore combatte senza scudo e senza armi a parte un piccola ascia bipenne. Dotato di coraggio e enorme forza ha il compito di seminare il panico tra i Reziari avversari e di coprire nelle operazioni coordinate i suoi Mirmilloni

Il Provocator: Accurliem – Con una divisa all’ultima moda e occhiali da sole firmati il provocator è colui che deve attirare su di se le forze avversarie per liberare il campo. Ruolo scomodo e pericoloso può essere ricoperto solo da abili guerrieri e indomiti combattenti dotati di abilità nel combattimento corpo e corpo e capaci di usare qualsiasi arma gli capiti a tiro.

L’Eques: Sironis – Usati come carne da macello negli scorsi secoli proprio grazie alla caparbietà di Sironi questi gladiatori hanno negli ultimi tempi assunto sempre crescente importanza. Dotati di spirito di sacrificio e forza ambiscono in futuro a diventare Secutor

I Pontarius: Muccim, Langellottiam, Filippis e Martorinium – Poco mobile ma assai potente il Pontarius è la base della falange difensiva e offensiva usata nelle arene. Di norma bastano tre pontarius per abbattere un esercito diceva Plinio il vecchio.

I Mirmilloni: Paninum, Salas, Barisionium, Mariot, -. Per peso, equipaggiamento e stile di lotta, questa classe di combattenti potrebbe entrare a buon merito nella cerchia dei “carri armati” della gladiatura. Il mirmillone è per l’avversario una fortezza inespugnabile grazie alla sua potenza e alla sua pesante armatura

L’Essedarius: Giannubilum – L’essedarius è un gladiatore armato e abile il cui nome nome deriva da essedum, termine che indicava un carro celtico di cui è originario anche chi ricopre questo delicato ruolo di guida. Gli essedarii aprono il combattimento sul carro prima di scendere e combattere a piedi

Il Dimachaerus, Lamattinam – Da sempre combatte con la felpa Adidas e fasciature sul braccio ove tiene il pugnale. Temibile negli scontri a carattere religioso.

L’Andabata, Assandrus – Gladiatore i cui occhi sono stati in qualche modo bendati, sia tramite una fascia sugli occhi o tramite un elmo privo delle fessure oculari. Questo gladiatore è fortemente vincolato al suo udito, poiché le possibili reazioni del pubblico o il rumore del respiro devono dargli una indicazione sulla posizione del suo avversario.

L’Aquerius, Chiesam – Il laquearius (il combattente con il lazo),cattura coloro che cercano di avanzare o sfuggire ai Mirmillioni con un lazo. Famoso per la sua scarsa attitudine all’amore per le squadre era spesso usato come merce di scambio come Vieri. Dal prossimo anno combatterà nei Raptors di Cartagine

Il Saggittarius, Caserinis – Il sagittarius (ovvero l’arciere) è l’unico in grado di maneggiare e lanciare armi da lancio come il pallone che usa sia nei lanci che nella gestione dei combattimenti a terra

Il Venator, Vagliani – Dotato di rara intelligenza il Venator combatte di solito contro animali selvatici o fiere di leggendaria cattiveria. Unico pensatore e tattico dello schema di battaglia viene usato al Cernusco come addestratore di gladiatori

»crosslinked«

5 thoughts on “Ave Cologno, alea iacta est

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi