ARCHIVIOPRIMA SQUADRACernusco 26 – Velate 24, la vittoria è di moda

25 ottobre 20102

 

Emanuele Accurli, estremamente bello

Un Cernusco distratto ma pimpante si impone sul Velate e conquista la seconda vittoria in campionato. Ottime a tratti le fasi di gioco, devastanti soprattutto nel finale errori che quasi costano la partita.
Bello e maledetto come un divo. Veloce scattante, forte e veloce, fiscamente perfetto eppure cosi fragile appena la passarella si fa in salita. E’ il nuovo Cernusco autunno inverno 2010/2011 che si presenta al Castello per la seconda sfilata della stagione tra le mura di casa: ospite il Velate, una delle squadre da battere nel girone 2 Elite. ù

In campo gioca praticamente il 15 che ha iniziato la sfida con il Marco Polo con la piacevole novità del ritorno in campo di Matteo Brambilla che per il diciannovesimo anno consecutivo presenta la sua collezione di colpi classici sui campi di tutta Italia e Coppola al lancio della sua campagna “ala guerriera”. Confermati ad acclamazione tutti gli altri i ¾ pronti a sfoggiare la loro classe e le lora gambe leste a sprigionare velocità sul manto del castello ancora in ottime condizioni per l’occasione addobbato a “catwalk”. L’inizio della sfilata però è tutto del Velate, la mischia ben assestata mette in difficoltà i modelli dei Road Runners che soffrono oltremodo ruck e raggruppamenti. In cabina di regia Amore e Vagliani hanno fanno fatica a confezionare abiti adeguati  e solo qualche incursione di Gigantish, sempre a suo agio sotto i riflettori, spaventa i biancazzurri che con un piazzato e altri due errori si portano sullo 0-3.
La sfilata continua e una volta prese le misure il Cernusco comincia a giocare per davvero. Le terze linee affondano le unghie e aiutano nel gioco aperto le progressioni dei bellissimi Vitaly, Coppola e Calogero che mettono in difficoltà ad ogni giocata la difesa ospite tra una lampada e un ripasso al trucco. Amore e la sua scarpetta di vernice magica mettono a segno due piazzati che portano il Cernusco in vantaggio e con il suo vestitino confezionato su misura Vitaly mette il turbo segnando la meta dell’11-3 sul quale si chiude il tempo.

 Nella ripresa il tono della gara sale, il cernusco non si ferma e anzi decide di spingere il tacco sull’acceleratore. La mischia sfila a passo di marcia e per i ¾ è festa grande con sushi, champagne, sostegno, riciclo e anche una bella meta dell’airone Cerutti. Anche la mischia è golosa e non perde nemmeno un vernissage prima di segnare con Assandro la meta che dovrebbe chiudere la gara. Bello e maledetto il Cernusco non fa nemmeno a tempo a cambiarsi d’abito che il Velate colpisce in contropiede e riapre la gara. Le maglie del cernusco appaiono sfaldate, il make up sembra sul punto di sfaldarsi, serve il colpo da maestro e i Road Runners hanno in serbo anche questo. Direttamente da New York, passando per Parigi con una puntatina a Ibiza Emaaaanuele Accurli ha deciso di presentare proprio tra le mura di casa la sua nuova creazione: “La modameta”. Bello e dannato Emaa si invola sulla fascia laterale e quasi volando supera la difesa del Velate, attonita al passaggio della divinità, che sorridendo in camera posa graziosamente l’ovale sulla linea bianca che delimita la linea di moda, ehm meta. Il Castello è in subbuglio per la sua star che non assiste nemmeno alla trasformazione, un elicottero è già pronto per Berlino dove lo attende uno shooting con Tyra Banks per Cernusco Next Top Model 2011. Tutto finito? No ovviamente il finale tranquillo non è di casa al castello e una paio di svarioni rischiano di rovinare la festa. Troppo champagne? Tacchi troppo alti? Forse, ma che spettacolo quando giochiamo noi.

Natascia Stefanenko e Lino Cagno

CERNUSCO 26 – VELATE 24 (11-3)
CP AMORE (2)
ASSANDRO, COROPCEAN, CERUTTI, ACCURLI

MUCCI (GIANNUBILO), CASERINI, BRAMBILLA (BLACKE), SCAGLIA (SALA), BARISIONE (CAP) (MARIOTTI), ITALIANO, PETRETTA, ASSANDRO, VAGLIANI, AMORE, RESCIGNO (MONZANI) (CAMPANALE), CALOGERO, COROPCEAN, COPPOLA(CERUTTI), ACCURLI

BEST CAZZATA FC AWARD
MATTEO BRAMBILLA – CALCETTO A SEGUIRE A 320 KM/H PER IL NAVIGLIO

BEST PLAYER
EMANUELE ACCURLI – LA MODA TORNA A CERNUSCO

Le pagelle della Regina

Accurli 7: ben posizionato e in giornata sfodera una prestazione maiuscola baciata anche da una bella meta corale della linea dei tre quarti. Le cronache raccontano di una serata interminabile in Corso Como per festeggiare…

Coppola 6: con la testa sgombra dai pensieri maligni che gli offuscano gli occhi e con un po’ di allenamenti nelle gambe sta trovando una continuità che era mancata fino a qui.

Coropcean 6,5: è sempre lui l’ispiratore dei tre quarti, il rocket man della steppa piazza sempre l’accelerazione giusta per mandare in crack il sistema operativo dei tre quarti bianco azzurri.

Calogero 6,5: la differenza di peso fra lui e il suo diretto avversario sarà di almeno 20 kg, il Davide grigioamaranto però non si spaventa e anzichè annientare Golia con la fionda lo fa finire il più delle volte muso a terra, sempre determinato in attacco…una sicurezza.

Rescigno 6: mezzo acciaccato stringe i denti e gioca un buon primo tempo, sostituito per presevarne l’integrità, tornerà più forte di prima.

Amore 6,5: piano piano sta prendendo in mano il gioco dei Road Runners, buona la prova al calcio e positivo anche in difesa, se continua così si potrà dire che è stato il migliore acquisto della stagione 2010/2011.

Vagliani 6,5: incursore come al solito cerca sempre la breccia tra le linee lentissime del Velate, spesso male assistito dai suoi si ritaglia però una prestazione positiva.

Assandro 5,5: come Godot il pubblico lo sta aspettando, questo deve essere il suo anno, se capisce il suo vero potenziale può far più male di un calcio sui denti, peccato che oggi ci fosse la sua controfigura sedata in campo.

Italiano 5,5: primo quarto d’ora da gigante, c’è sempre, da sostegno, placca, poi si innervosisce a causa dei ripetuti tuffi dei velatesi e comincia un infinita diatriba linguistica che termina al triplice fischio.

Petretta 6,5: al contrario di Italiano ci impiega un quarto d’ora buono a entrare nel match, poi però piazza una prestazione incisiva a tutto campo.

Barisione 6: oggi lascia a casa le incursioni in solitario per un lavoro di fino sui raggruppamenti, tornato positivo in touch dopo la pessima giornata contro il Marco Polo.

Scaglia 6: “è uno sporco lavoro ma qualcuno dovrà pur farlo”

Mucci 6: meno arrembante del solito nelle fase dinamiche, saldo nelle fasi statiche.

Caserini 6: ha fatto fuori tutta la concorrenza tra infortuni e pazzie varie. Si sta calando perfettamente nel ruolo, unico appunto migliorare il lancio, da li possono passare le fortune future dei suoi.

Brambilla 6: nei primi 10 minuti sfoggia tutto il suo repertorio, quello che colpisce (e non è la prima volta che lo scriviamo) è che se alla sua età ha ancora voglia di giocare con questa intensità bisogna che chi è moooolto più giovane di lui si faccia un bell’esame di coscienza.

Blacke 6,5: entra e butta tutta la sua rabbia e la sua esperienza addosso agli avversari, il cambio di passo nel secondo tempo passa anche da lui.

Monzani 5,5: entra al posto di Rescigno e in concorso di colpa con altri si trova a pasticciare sulla linea di meta, forza Danilo è successo a tutti, passerà!

Giannubilo 6,5: con i “tre tenori” tutti disponbili in castigo ci va lui, poco male perchè entra e mette mano in tutte le azioni importanti del secondo tempo. Evita anche di fare fallo…meglio di cosi!

Sala 6: la sua forza e il suo coraggio segnano il secondo tempo del match che il Ce invertendo i pronostici porta a casa proprio in questa frazione.

Cerutti 5,5: altro che entra e ha voglia di far vedere che anche lui può recitare una parte da protagonista, il voto dovrebbe essere positivo ma il calcio di liberazione che rimette in partita il Velate è suo…la voglia c’è e questo è già tanto.

Campanale 6: entra negli ultimi 10 minuti ed entra nell’azione più bella quella della meta di Accurli, Re Mida a suo confronto era un rigattiere.

Mariotti 5,5: entra negli ultimi 5 minuti, parola d’ordine non fare fallo in ruck, alla prima ruck si sdraia facendo di fatto tornare il Velate nei 22 grigio amaranto, quando sistemerà questi “problemini” sarà un grande acquisto.

LE PAGELLE DI PARKINSON

Mucci 5,5: Senza competizione interna sembra un po’ seduto sugli allori. Fa il suo compito senza mai cercare il di più. Mezzo punto in meno per la risata sul calcio di Brambilla.

Caserini 6: Non è in forma e lo si vede ma in mancanza di cambi deve tirare la carretta. Da sempre l’impressione di essere in ritardo sull’azione. Quando le gambe correranno come i pensieri sarà un ottimo giocatore.

Brambilla 5,5: All’esordio stagionale fa vedere ai giovani colleghi cosa sia l’esperienza e il testare l’arbitro. Assolutamente inspiegabile il calcetto sui 5 metri avversari. Una volta non ci avrebbe pensato due volte ad andare dritto.

Scaglia 6: Molto ingenuo in difesa, soprattutto in touche dove concede qualche punizione di troppo agli avversari. Nel secondo tempo è decisamente più concreto. Manca ancora nella corsa.

Barisione 6: Non nel suo periodo migliore di forma. Controlla una partita non facile ma ancora non riesce a gestire gli alti e bassi umorali della sua squadra. L’obbiettivo non può essere accontentarsi.

Petretta 6,5: Al contrario dei suoi compagni di reparto si esprime decisamente meglio in avanzamento che in difesa. Ancora inesperto sulle ripartenze delle terze avversarie lascia sperare in grossi margini di miglioramento come terza linea.

Italiano 6: Parte a razzo anche se sa che non ha 80 minuti nella gambe. Fortunatamente il suo avversario diretto ne ha meno di lui. Deve imparare a dosarsi e dare più ordine al suo reparto (essendo quello più esperto)

Assandro 6,5: Devastante dal punto di vista fisico ma ancora ci lascia dei dubbi sull’intelligenza tattica. Porta la sua terza linea a fare il gioco degli avversari, meno organizzati e più statici invece di far giocare i suoi commandos.

Vagliani 6: Chiede ed ottiene velocità. Velocità che sfrutta abbastanza bene. Purtroppo risente ancora dell’atteggiamento dei compagni invece di imporre il suo ed ha 20 minuti di black out dopo la risata di Mucci.

Amore 6,5: E’ indubbio che la palla la sappia trattare e anche far girare tra la sua linea. E’ altrettanto in dubbio che ancora ha paura quando le terze avversarie lo puntano. Non è che ce l’abbiano con te ma fai il 10. Più cattiveria.

Rescigno 6: Acciaccato vorrebbe continuare. Rimane un anarchico del triangolo arretrato. Corre ancora storto ed ha qualche lapsus in difesa. Se avesse sempre sostegno in attacco sarebbe determinante.

Calogero 6,5: L’abbiamo anche visto sorridere. Speriamo si sia divertito. Noi abbastanza a vederlo giocare anche se la fiducia non è ancora il suo forte. Inspiegabile un avanti su un 3 contro 2. Potrebbe essere il cuore del futuro… se solo capisse che è un sport in cui ci si diverte con gli amici.

Coproceanu 6: Appassito. Quando decide di partire ci regala una meta che fa da solo. Purtroppo si accende veramente una volta sola. Deve prendere coscienza della sua leadership ed utilizzarla al meglio.

Coppola 6: Inizio balbettante come al solito con un avanti esemplare su una palla al volo. Poi difende perfettamente. Ancora da migliorare sul piazzamento offensivo.

Accurli 6,5: Voto di incoraggiamento per la grinta dimostrata. Si propone in attacco e sbaglia poco come estremo. Non riesce però a controllare il triangolo arretrato con la dovuta esperienza che oramai dovrebbe possedere.

Blacke 6: Quando entra dona tranquillità alla prima linea. Ancora indietro dal punto di vista atletico. Lo sa e si autolimita.

Giannubilo 6: Non ci ricordiamo falli gravi e già questo è un miracolo… Buone le ripartenze per dare velocità, ma perchè sempre all’interno e da solo?

Monzani 5,5: Penalizzato forse dalle lenti, forse da una partenza non perfetta viene sostituito per scelta tattica. A volte capita. Si innervosisce giustamente.

Sala 6: Dire che stia entrando in forma forse è troppo ma per la seconda volta di fila entra a sigillare il risultato e così fa.

Cerutti 6: anche questa volta esce con una buona mentalità dalla panchina, stavolta però il suo impatto è meno determinante anche se avere cambi così è sempre una garanzia

Campanale 6: Un errore in fase di ripartenza ma il costante e decisivo sostegno ad Accurli per la meta della definitiva sicurezza.

Mariotti 5,5: Non possiamo certo criticare la buona volontà ma dopo neanche tre minuti da quando entra si fa fischiare il solito fallo per gioco a terra. Ha bisogno un ripassino sulle regole

2 comments

  • Anto

    27 ottobre 2010 at 14:35

    non per polemizzare troppo, ma parkinson,hai idea di cosa staremmo commentando se Vito non avesse inventato una meta dal nulla e non avesse tenuto alzata quella meta avversaria già fatta? mah

  • willy

    27 ottobre 2010 at 21:21

    Continuare così non sarebbe male.Grandi ragazzi.

Rispondi

I NOSTRI SPONSOR

https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/gruppoCAP.jpg?fit=830%2C214
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/Cheers-Pub-Milano-e1475760273392.jpg?fit=150%2C122
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/nuovo-logo_termostampi1-e1475760252771.png?fit=150%2C124
https://i0.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2017/12/mobilissimo.jpg?fit=150%2C150
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/soup.jpg?fit=160%2C160
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/SFA.png?fit=271%2C88
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/LANODICA.jpg?fit=160%2C34
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/GPONE.png?fit=225%2C150
https://i1.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/MCV.jpg?fit=160%2C87
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/Vanity-dog.jpg?fit=160%2C160
https://i2.wp.com/lnx.rugbycernusco.it/wp-content/uploads/2018/08/prime-alture.jpg?fit=160%2C160

IOCECREDO

QUARANTANNI fa’ siamo nati, , OGGI siamo qui e DOMANI saremo sempre CE!!

NEWSLETTER

Email Addres

Please select all the ways you would like to hear from Rugby CE:

You can unsubscribe at any time by clicking the link in the footer of our emails. For information about our privacy practices, please visit our website.

We use MailChimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to MailChimp for processing. Learn more about MailChimp’s privacy practices here.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi