home ARCHIVIO, GIOVANILI CAPORETTO SI TROVA A LENO PER L’U12

CAPORETTO SI TROVA A LENO PER L’U12

E non pensiamo di esagerare. Questa volta i nostri ragazzi hanno dato prova che per loro il rugby è solo un hobby domenicale, superficiale, anzi quasi superfluo. Nessuno si salva. oi allenatori siamo rimasti delusi profondamente non tanto dal risultato, che ci teniamo a ribadire, è relativo, ma dall’atteggiamento che hanno tenuto i ragazzi a Leno domenica. Erano presenti fisicamente in 19, ma realmente in campo non è mai sceso nessuno. Il torneo si presentava alla nostra portata, con altre 3 squadre che abbiamo affrontato e a volte battuto in precedenza.

Si inizia contro il Velate B, che avevamo già sconfitto in casa loro la settimana prima, come anche il Velate A, che domenica affrontava il nazionale. Primo tempo finito sul 3 a 1 a nostro favore, ma già si poteva  notare come le 3 mete fossero state 3 azioni personali di Cecco senza un gioco corale più organizzato da parte della squadra. Nel secondo tempo si è invece capito come sarebbe andato il torneo, completa disfatta e disorganizzazione dei 12 in campo. Finisce 4 a 3 per il Velate B (3 mete di Turone Francesco).

Nella seconda partita contro l’Oltremella il CE ha trovato la vittoria della bandiera, anche se è stata un a vittoria nominale, perché le 7 mete fatte sono arrivate da altrettante azioni personali, senza MAI far vedere un briciolo di squadra. Si conclude 7 a 3 comunque per il Cernusco(mete di: 4 Turone Francesco, 1 Colombo Andrea, 1 Di Cecca Marco, 1 di Barletta Nicolò)

Ma oramai erano state poste le basi per l’emblema di questo torneo, la partita contro lo Junior Rugby Bagnolo. Qui si sono tirate le somme dell’intera giornata. Completo sfaldamento difensivo, nessun sostegno e nessuna benché minima voglia di lottare. Risultato finale di 6 a 3 per i bresciani. Ancora una volta le mete  (1 di Turone Francesco, 1 di Colombo Andrea e 1 di Davide Vetralla) sono frutto di azioni personali.  Anche quelli del Bagnolo sul loro sito hanno commentato la partita dicendo che il Cernusco è una squadra “di ottime potenzialità anche se leggermente [per noi sono stati troppo buoni…!] sottotono”

Alla fine della giornata noi allenatori siamo stati delusi, amareggiati e in qualche modo stanchi dell’atteggiamento complessivo della squadra.

Man of the match:  visto che proprio dobbiamo assegnarlo lo diamo a Cecco (Turone Francesco), che ha fatto 8 delle 13 mete di domenica, anche se per lui esiste solo la fase offensiva e non quella difensiva.

Riflessione della settimana in attesa del torneo casalingo del 7/11:

“L’atteggiamento comportamentale è un ingrediente indispensabile per giocare bene a rugby. La concentrazione e l’importanza dell’impegno è uguale negli allenamenti quanto nelle partite. Solo quando affronterete allenamenti e partite con il corretto atteggiamento comportamentale potrete dire “io gioco a rugby” e credetemi, non è facile.”   (cit. presa dal sito del minirugby)

Ivano, Matteo e Claudio

4 thoughts on “CAPORETTO SI TROVA A LENO PER L’U12

  1. UN VINCITORE E’ SOLO UN SOGNATORE CHE NON SI E’ ARRESO.

    Credo che valga per ognuno di noi, grande o piccino che sia.
    E’ l’attimo che ci spinge a continuare, bisogna saperlo cogliere al momento giusto.

    Claudia

  2. Ciao a tutti, io a Leno non c’ero. Credo che non sia facile per i nostri piccoli giocatori imparare ad essere un “squadra”. Forza Ivano, Matteo e Claudio siamo con voi e speriamo che pian piano i vostri insegnamenti diano i frutti.
    Ci vediamo sabato
    Federica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi