home ARCHIVIO Non Ce siamo. Cernusco 12-Lainate 13

Non Ce siamo. Cernusco 12-Lainate 13

Festa di fine anno? Esame pre playoff? Domenica divertente? No, nulla di tutto questo.  Ecco la solita, immatura e  svogliata  partita senza cuore dei Road Runners che invece di salutare il pubblico di casa con una gara indimenticabile hanno preferito confermare i passi indietro delle ultime gare e anzi hanno rincarato la dose con un atteggiamento inaccettabile e davvero senza senso . C’è poco da fare quando in campo manca la convinzione e la voglia di ordine, e così nemmeno 70 minuti di “controllo” del pallone non hanno comunque permesso ai padroni di casa di portare a casa una partita ben giocata dai Gators di Lainate capaci di punire il cernusco con una meta e due calci piazzati che alla fine sono valsi i 4 punti i palio. Poco o nulla di amaranto, tanto grigio invece perchè non è cosi che si onora una partita e il rugby, lo sport che tanto si decanta su facebook e altri social network. Dove era l’onore? E la voglia di giocare a questo nobile sport? A molti è sembrato che il Cernusco si fosse trovato quasi per caso al campo per un appuntamento quale un allenamento in palestra o una lezione di capoeira. Nulla di importante, una noiosa domenica al campo… fatto il compitino e via a festeggiare. Peccato però che il compitino si sia presentato al castello con voglia e spirito diverso e che alla fine abbia avuto la meglio su una squadra che forse sarà impegnata nelle fasi finali del campionato italiano per raggiungere la serie B. Poco, troppo poco anche per chi ha nel cuore solo il Rugby Cernusco. Il campionato non ancora finito sembra quasi un peso e noi addetti ai lavori ci chiediamo che cosa serva ancora per stimolare la squadra.
Problemi ardui per il Mastro di Chiavi chiuso nella torre del Fornaroli a cercare una soluzione per la resa del Castello. Il tempo per recuperare, incredibilmente, c’è ancora. Ora non resta che trovare il modo.

LE PAGELLE DELLA REGINA

Campanale 5,5: il cielo su Cernusco si è aperto qualche minuto prima del fischio di inizio, ma sulla sua testa continuano a piovere palloni. Non si scompone e raccoglie tutto grazie alle sue manine più appiccicose del Vinavil e riparte, qualche volta sarebbe meglio però esplorare il campo con il piede.
Rescigno 5,5: prova a sfondare più volte ma davanti a se trova una squadra che spesso lo raddoppia per farlo cadere per terra, ha invocato nel prepartita il dio regnante sul pianeta Tamarrus che ieri però si era preso una vacanza.
Cinquetti 5: ci regala la scena più divertente della giornata, chiama un mark su un calcio di punizione.
Calogero F. 5: stranamente distratto in fase difensiva dove non riesce a incidere come suo solito si innervosisce per i continui fuorigioco degli avversari.
Accurli 5,5: stanco per tutti gli eventi “fuorisalone” che lo hanno visto protagonista in questi giorni non passeggia sul red carpet come solo lui sa fare.
Cerutti 5: where are you gone Cresta di gallo a nation turns its slowly eyes to you…..
Vagliani 5,5: la sua mischia tritura gli avversari ma il principe Carlo decide di giocare con i tre quarti…
Brambilla 6: due partite in due giorni! Riparte spesso e volentieri dalla mischia per levarsi di dosso un mediano spesso un po aldilà del piede dell’ultimo uomo. A 37 anni ha ancora tutta questa voglia di giocare…meditate gente meditate…
Giannubilo 6: Corre lungo tutto il campo e cerca di garantire il suo apporto in tutte le fasi e quando finalmente vede la linea di meta non si intenerisce e tiene la palla tutta per se. Nel finale è stanco
Assandro 5,5: siamo abituati bene è vero, però di solito Gonzo il cameriere ci serve del Krugg ieri al massimo ci ha offerto dello spumante da supermarket!
Barisione 6: a ridateje la maglia numero 5!!!! Due partite da quando non c’è più la maglia porta fortuna e due sconfitte. La sua gara è vivace come quella del resto del pacchetto di mischia, nonostante la nube del vulcano islandese il suo motore non si inceppa in touch….a questo punto è solo un problema scaramantico.
Scaglia 6: scelto spesso come ricevitore in touch non fa mancare nemmeno il proprio apporto in campo aperto. Potrebbe segnare la sua prima meta ma viene ignorato da un compagno che segnerà al suo posto.
Petretta 6,5: non trema di fronte a nessun avversario, i piloni in mischia chiusa si alternano per farlo soffrire ma alla fine sono sempre e solo loro che soffrono. A fine partita riceve i complimenti di tutta la mischia avversaria.
Travaini 6: deve solo trovare ancora qualche piccolo accorgimento ma, aumentandone l’utilizzo ne è aumentata anche la sicurezza nei propri mezzi.
Mucci 6: l’indole sudamericana lo porta a parlare durante tutto il corso del match, però come i grandi piloni argentini spesso è scaltro e fa girare le cose a suo favore.
Italiano 5,5: dovrebbe essere l’arma X della squadra entrando fresco quando gli avversari sono stanchi, si perde invece un po’ in mille raggruppamenti.
Lasorsa 5: con la sua esperianza e il suo carisma dovrebbe prendere i compagni per mano e guidarli alla riscossa, si perde però in beghe da cortile con il tallonatore avversario.
Sala 6: entra a sostituire Scaglia per un brutto colpo, stabilizza la mischia in un momento dove la stanchezza si faceva sentire eccome.
Barcaglioni 5,5: il futuro della moda a Cernusco entra a sostituire il suo modello di riferimento, le tifose a bordo campo emettono gridolini di approvazione, peccato però non faccia esplodere il Castello con un boato per una meta.
Monzani, Dalla Mariga, Coppola 8: passare una domenica a vedere i propri compagni che si divorano una partita che dovrebbero vincere tranquillamente merita tutta la nostra stima.
Sala L. 10: qualcuno se la prende con lui per l’ultima azione ma il buon Loris aveva ragione. Un grazie perchè sempre presente sia in allenamento che durante le partite in casa e in trasferta.

LE PAGELLE DI PARKINSON

Mucci 4: La mischia domina. La prima linea stradomina. I piloni in situazioni di questo tipo non si schierano coi ¾ ma attaccano la linea. Superbo
Travaini 4: Bene in touche ed in mischia chiusa. Inesistente nel gioco aperto. Impantanato
Petretta 4: Non basta vincere la battaglia in prima linea per portare a casa la partita. Il Lainate glielo ha dimostrato. Stanco
Scaglia 4: Come per Travaini il giornalista sembra un ologramma quando le mischie chiuse finiscono. Sterile
Barisione 4: Le cartucce sono scariche. Tende a giocare di fianco alla mischia ma ieri si necessitava più presenza nei raggruppamenti spontanei.
Sbeccato
Assandro 4: Le loro terze linee giocano in avanzamento. Le nostre subiscono; e con quel fisico non si capisce proprio perchè… Svogliato
Giannubilo 4: Una meta che per 20 minuti lascia qualche speranza ma anche due falli per due piazzati avversari (sbagliati) e poco dinamismo. Spuntato
Brambilla 4: La sua mischia avanza ma anche questa volta la palla tra le gambe del terza centro non rimane pulita. Ordinato nulla più. Segnato
Vagliani 4: Si lamenta ed è nervoso ma non fa nulla per aiutare la sua squadra. Era evidente che si dovesse giocare con la mischia ed invece
insiste con giocate al largo. Inconsistente
Cerutti 4: Male al piede. Male la gestione della linea. Male la cerniera con Vagliani. Non una bella chiusura di stagione. Spiumato
Rescigno 4: Mette il gettone in un paio di occasioni. Sfortunatamente si gioca in 15. Estraneo
Calogero 4: Sempre piatto, corre storto, non placca. Sfiduciato
Cinquetti 4: Regala tutta una varietà di giocate che fanno rabbrividire la pelle. Spento
Accurli 4: Una meta dalla sua parte, pochi spunti in attacco. Grigio
Campanale 4: Ci regala un paio delle sue finte che fanno ben sperare e poi inizia a giocare come i suoi compagni di reparto. Male.
Italiano 4: Due minuti dopo la sua entrata regala un calcio di punizione che regala la vittoria al Lainate. Nient’altro da ricordare. Lamentoso
Lasorsa 4: Solite battaglie verbali con la prima linea avversaria. Le battaglie servivano in campo. Immaturo
Sala 4: Partecipa anche lui allo spreco dei Road Runners. Senza colpa
Barcaglione 4: Partecipa anche lui allo spreco dei Road Runners. Senza colpa
Monzani, Dalla Mariga e Coppola 10: Vedere da fuori tale spettacolo deve essere stato disarmante. Grazie

»crosslinked«

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi