home ARCHIVIO, PRIMA SQUADRA Il Cernusco si spegne nel Po

Il Cernusco si spegne nel Po

Non è riuscita l’impresa, a dire il vero il Cernusco non ci è andato nemmeno vicino. Il Cernusco affonda nelle paludi di San Mauro e rinuncia alla lotta per i primi posti in classifica in un girone equilibratissimo. A San Mauro la squadra di Gianfranco Damiani era arrivata con il duplice scopo di restare in corsa per un posto d’onore del girone elite e per battere i piemontesi, unica franchigia non ancora battuta dai grigio amaranto in una stagione giunta alla resa dei conti. Praticamente al completo i Road Runners però non hanno saputo imporre il loro gioco e al termine della partita si sono accorti quasi di non aver giocato.

Con Cerutti schierato a sorpresa estremo i Runners nonostante qualche fallo di troppo partono forte e provano a mettere in difficoltà i torinesi che appaiono però da subito molto concreti nei punti di incontro e nelle azioni in velocità. In mischia e touche le squadre si equivalgono, i padroni di casa però sono più dinamici in tutte le fasi e in breve tempo il guadagno territoriale grazie a calci di spostamento e gioco aperto diventa devastante anche perche il Cernusco inspiegabilmente sembra un po’ stanco anche dopo pochi minuti di gioco. Il gruppo d’assalto delle terze linee lentamente si infanga nel “pet sematary” sulle rive del po’ e nemmeno il folletto Alvaro Vitaly riesce a dare la scintilla necessaria alla cavalleria leggera che non riesce mai a sfondare la difesa nonostante la carica di Rescigno e la voglia del positivo Barcaglione sacrificato però a metà tempo da un cambio tecnico ad opera del generalissimo Damiani. Più il tempo passo più la palude della tristezza pervade il cuore grigio amaranto che pian piano affonda nei suoi errori quasi fosse maledetto il terreno sui cui è edificato il campo. Avvolto in un velo di cupa rassegnazione anche il colore delle maglie pian piano si affievolisce e alcuni spettatori giurano che alcuni tratti della partita siano stati giocati in bianco e nero. Il San Mauro invece ha voglia e grinta da mettere e così arrivano le mete, due del San Mauro, e arriva anche la fine del tempo sul 15-0. C’è ancora spazio per recuperare ma anche il secondo tempo non cambia anche perché in campo ci sono solo spettri e anche il numeroso pubblico giunto per stare vicino ai propri beniamini non riesce quasi più ad incitare gli evanescenti runners. Più il Cernusco cerca di fare gioco, meno territorio guadagna e vale poco la bella meta di Assandro che non cambia le sorti di una gara segnata che si chiude sul pesantissimo finale di 25-5 strameritato dal San Mauro che si conferma al momento come squadra più in forma del girone.

Quella che lo scorso anno era stata la partita della rinascita quest’anno è una partita da dimenticare al più presto in vista dell’ultimo impegno casalingo stagionale contro il Lainate la prossima domenica. Una vittoria potrebbe ancora voler dire post season ma è l’atteggiamento durante le partite che contano che proprio non ci convince.  

San Mauro 25 – Cernusco 5
Meta: Assandro
Mucci (Dalla Mariga), Travaini (Lasorsa), Petretta, Scaglia, Barisione (Cap.), Giannubilo (Sala), Italiano, Assandro, Vagliani, Cerutti, Rescingno (Cinquetti), De Caro (Campanale), Coropcean, Barcaglione (Accurli), Calogero F.. Ne Mariotti

BEST PLAYER Mariotti Domenico
“Grazie per aver visto e non aver detto nulla”

FC AWARD Luca Barcaglione
“Demenza in panchina”

LE PAGELLE DELLA REGINA
Cerutti 5: come a Botticino viene schierato estremo e come a Botticino giornata amara per i grigioamaranto. Bombardato dal piede preciso e velenoso del 10 torinese sbaglia spesso in fase di copertura e perde la battaglia tecnica ai calci. Sbaglia anche la trasformazione facile facile dell’unica meta cernuschese, domenica da dimenticare.
Rescigno 5,5: i compagni di squadra non creano e per un’ala è difficile giocare, se teniamo conto poi che si trova sempre in inferiorità numerica in difesa il cerchio si chiude.
Barcaglioni 5,5: schierato a sorpresa dopo l’infortunio si fa notare perchè almeno porta avanti la palla, spesso però risucchiato dalla marea nera in fase difensiva.
Coropcean 5: la coperta di Linus del Cernusco quest’oggi non è servita. Pochi palloni da giocare e stranamente distratto in difesa. E’ stato grandissimo fino ad ora, una domenica grigia capita a tutti.
De Caro s.v.: alla prima palla che gli arriva si fa male ed è costretto ad uscire. In bocca al lupo.
Calogero F.5: soffre la maglia numero 10. Davanti ha un dirimpettaio che usa bene il piede e il campo molto piccolo lo avvantaggia, (San)Francesco però non trova mai il modo giusto di mettere pressione, pensavamo che l’ostensione della Sindone gli donasse quella carica in più ma purtroppo non è cosi. Si riscatta nel viaggio di ritorno in pullman.
Vagliani 5,5: partita difficilissima. E’ costretto a gestire pochissimi palloni e spesso arretrando. Non si scoraggia e prova mettere velocità ad un squadra che però deve avere lasciato le gambe a casa.
Assandro 5: le partite contro squadre grintose lo mettono in soggezione, per frustrazione rifila un pestone ad un avversario proprio sotto gli occhi dell’arbitro che lo manda in punizione dietro alla lavagna. Per fortuna riscatta una domenica da dimenticare con una meta che non lascia lo score dei roadrunners a zero.
Italiano 5: si veste da pirata ma purtroppo oggi non è giorno di assalti. Capisce poco di una partita che fa dell’agonismo spinto il proprio pane, mettiamoci anche dentro che per le terze linee il ping pong tattico di calci e controcalci è come la criptonite per Superman ed ecco sfornata una prestazione sotto la media. Regala magie all’uscita di Novara Est.
Giannubilo 5,5: rispetto agli altri due moschettieri in fondo alla mischia cerca perlomeno di essere ordinato e di non farsi risucchiare dal vortice di ruck, maul e controruck, anche per lui però una partita sottotono.
Barisione 5: partita difficile in touch dove con un solo saltatore il San Mauro tiene in ansia tutto il Cernusco, nel gioco aperto i pochi palloni giocabili non lo vedono protagonista come altre volte.
Scaglia 5,5: Zanghief viene scelto come opzione numero 1 in touch e porta acqua al mulino del Cernusco, nel gioco aperto partecipa alle mille ruck che il San Mauro contesta sempre molto vivacemente.
Petretta 5,5: prova subito a sfondare la linea difensiva del San Mauro ma i compagni non lo seguono, lui è si la locomotiva ma gli altri vagoni devono seguirlo. Per il resto bene in mischia chiusa dove non si fa innervosire dalle scorrettezze del pilone avversario.
Travaini 5,5: anche lui gioca una partita senza infamia e senza lode, viene fischiato per due lanci storti che poi cosi storti non erano.
Mucci 5,5: odia i calci e non ha tutti i torti, come gli altri fatica a contestare i palloni a terra. Per fortuna anche lui come il suo socio Petretta non si fa innervosire dalle scorrettezze in mischia chiusa.
Accurli 5,5: entra come estremo e poi viene spostato all’ala, non ha grosse colpe sulla coscienza.
Campanale 5: un bel placcaggio e poco più, i 22 cernuschesi sembrano Saigon e lui non riesce a trovare la forza dei viet cong per cambiare il senso alla partita.
Sala 5,5: entra a dar fiato a una mischia in apnea. Questa volta però non gli viene la magia vista nel film “Lo chiamavano Buldozer”.
Dalla Mariga 5,5: uno scampolo di partita al posto di Mucci, non soccombe in mischia chiusa ma ormai il match aveva preso il largo in favore del San Mauro.
Lasorsa 5: entra e con lo spirito hippy che lo contraddistingue recapita messaggi di pace e amore agli altri 29 attori in campo. Si becca un giallo questa volta non per colpa sua ma per colpa di un avversario delatore….purtroppo in quel momento non è stata data la possibilità di arringa alla difesa.
Cinquetti s.v.: entra negli ultimi minuti al posto di Rescigno.
Mariotti 7 (il migliore): vede i compagni naufragare mantenendo però il buon umore e l’umiltà che lo contraddistinguono.
Pubblico 8: in numerosi sono arrivati a San Mauro con ogni mezzo a sostegno dei Road Runners, peccato che il piccolo centro alla periferia di Torino si sia trasformato in una Istanbul di rossonera memoria. Grazie comunque di essere venuti!!!!

LE PAGELLE DI PARKINSON

Mucci 5: Parte bene e poi si fa invischiare nel ritmo generale della partita che certo veloce non è. Probabilmente avrebbe bisogno di rifiatare; anche psicologicamente. Affranto

Travaini 5: Scelto per la sua dinamicità dovrebbe essere una terza aggiunta ed invece subisce l’aggressività della mischia avversaria senza farsi ricordare per nessuna particolare azione. Schivo

Petretta 5,5: mezzo punto in più per un paio di penetrazioni che bucano la linea nemica lasciando qualche speranza al Cernusco di rilanciarsi. Con la sua esperienza non può farsi assorbire in quel modo da un pilone avversario decisamente meno forte di lui. Svaporato

Scaglia 5: La mente era altrove ed la corsa anche. Un grossolano errore che costa 3 punti alla sua squadra ed in generale nulla per cui lo si possa ricordare. Spirituale

Barisione 5: Metafora della sua squadra. Spento, evanescente e confusionario. Brutta giornata. Ammarato

Giannubilo 5: Ci prova sempre ma non si capisce perchè essendo il più leggero della mischia entri più lui di altri. Prova con l’esperienza ma ieri non era giornata per nessuno. Asettico

Italiano 5: Parte male e continua sulla stessa riga. Non riesce a controbattere l’aggressività nemica con la sua foga. Lascia anche qualche placcaggio per strada. Fantasioso

Assandro 4,5: mezzo punto in meno per il cartellino. Sembra sulle nuvole. Dovrebbe guidare il suo pacchetto di mischia ed invece si fa travolgere da quello avverso senza reagire. Nel blu dipinto di blu.

Vagliani 5: Bisogna dargli il merito di provarci come sempre ma quei due calcetti nel primo tempo ci sembrano davvero troppo. L’arbitro non lo aiuta nelle interpretazioni e lui si fa trovare spesso fuori posizione perdendo la gara con il suo dirimpettaio. Pollicino

Calogero F. 5: Schierato all’apertura dimostra i suoi limiti sotto pressione. Il gioco al piede dell’apertura avversa lo vede perdente e non riesce neppure a dare quella velocità che dovrebbe far risalire la sua squadra. Orfano

De Caro s.v.: Neanche un tempo ed una brutta botta alla gamba. Sorridente

Corpoceanu 5: Irriconoscibile. Due placcaggi da ricordare e niente più. Probabilmente aveva la miccia scarica a causa degli impegni lavorativi. Speriamo di ritrovarlo perso. Spaesato

Barcaglione 5: Ritrova una maglia da titolare ma non ha ancora il feeling con i compagni di reparto. Trova un paio di buchi assolutamente fini a se stessi. Tolto prima della fine del primo tempo per provare un nuovo assetto. Da rivedere.

Rescigno 5: Purtroppo non basta parlare ed incazzarsi per cambiare le sorti della partita e Gigatish usa troppo la bocca e troppo poco le gambe. Ancora il concetto di essere schierato ala per lui significa giocare la palla solo se arriva in fondo. Immaturo

Cerutti 5: Schierato estremo dimostra ancora troppi limiti sui piazzamenti difensivi e non riesce a controbattere il gioco tattico avversario. Anche l’unico piazzato a disposizione lo fallisce da pochi passi. Bravo (Manzoniano)

Accurli 5: Entra per Barcaglione e si posiziona all’alla ma la situazione non cambia. Non gli arrivano palloni giocabili e lui non li va a prendere. Non è certo nella sua migliore forma possibile. Infastidito

Campanale 5: Sicuramente il suo senso della posizione lo salva in molte occasioni ma non riesce a ripartire e soprattutto ad arginare l’uomo in più che il San Mauro ha sempre all’ala. Da ricordare un buon placcaggio nei minuti finali. Insabbiato

Lasorsa 4,5: mezzo punto in meno per il cartellino giallo. Entra per dare stabilità alla mischia chiusa e sicurezza in touche cosa che non gli riesce. Poi emerge il vecchio vizietto e la sua parlantina lo costringe a 10 minuti di riposo forzato. Frustrato

Sala, Dalla Mariga, Cinquetti s.v.: Non vogliamo dare responsabilità nè giudizi agli ultimi tre entrati in un momento in cui il Cernusco aveva già salutato la partita. Mesti

Mariotti 7: Vede dalla panchina i suoi compagni giocare una pessima partita ma non si abbatte e trova il modo di sorridere. Umiltè

»crosslinked«

3 thoughts on “Il Cernusco si spegne nel Po

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi