home PRIMA SQUADRA Cernusco 7 – Cologno 5

Cernusco 7 – Cologno 5

Esistono diversi modi per vincere una partita di rugby: si può stravincere dominando dall’inizio alla fine, si può giocare una gara equilibrata e segnare alla fine, si può anche amministrare un esiguo vantaggio, oppure si può vincere un derby.
Tutto esaurito al Campo di via Buonarroti per la gara attesa da sempre: di fronte il Rugby Cernusco e l’Iride Rugby Cologno. Belli, eleganti e slanciati i ragazzi del Cernusco hanno deciso di aspettare il derby per sfoggiare le loro nuove divise gialle e blu, firmate Termostampi e disegnate dal vento, ma bastano pochi minuti per capire che non sarà una gara spettacolare, almeno non dal punto di vista tecnico. In campo è battaglia ai limiti e oltre la legalità, la mischia inizia bene, anche in la touche finalmente a posto ma fatichiamo a fare gioco. Boris con un braccio ricostruito deve fare gli straordinari per mettere ordine in campo, Cremascoli detta i tempi ma ci muoviamo poco, intanto in mischia infuria la battaglia tra prime linee. Si gioca ma alla lunga si subisce e al termine del primo tempo il Cologno mette a segno una meta in azione confusa senza trasformare il calcio:5-0. Nel secondo tempo Assandro Lasorsa e Mucci devono affrontare una nuova prima linea anche se ormai stremati, lo spirito di squadra e alto ma si soffre su ogni azione, però non si molla di un centimetro. Il Cologno pressa sulla linea dei 22 del Cernusco che si difende con ordine e grinta ma non riesce a offendere. Poi a meno di dieci minuti dalla fine accade qualcosa: il Cologno sbaglia il calcio dell’otto a zero anche se a tre metri dai pali e dopo un minuto e una azione talmente confusa da non poter nemmeno essere descritta Assandro schiaccia nell’area di meta opposta la palla del pareggio tra la felicità degli sponsor, sulle stelle, e dei tifosi, intenti a scrivere poesie d’amore per le emozioni ricevute. Tutto finito? Niente affatto, manca la trasformazione che vorrebbe dire vittoria. Boris è rotto, Predator è convalescente allora calcia Gigliotti al rientro dopo una assenza di quasi due anni. Nel silenzio irreale del dicembre di Cernusco la palla dopo una perfetta parabola finisce esattamente in mezzo ai pali, la trasformazione vale due punti, due punti che tra la festa in campo e fuori sanciscono la vittoria del Cernusco in uno dei derby più combattuti della storia.

Ieri come molti di voi ben sapranno il Cernusco ha giocato il derby contro
il cologno.
La partita è andata più o meno così:
Loro sono talmente tamarri che si presentano al campo con un PitBull…

Come direbbe un mio amico: La fredda cronaca
Fischio d’inizio
Calciano in mezzo alla mischia e la premiata ditta Quadro, Ciccio, Gonzo,
Perlisio fa una cazzata clamorosa, e questo non è un gran bel segno per
l’inizio di un derby…la palla esce ed è fuori per loro.
La partita diventa incandescente al 10′ minuto quando il Bobo si fa
giustizia di sè, e loro iniziano a parlare nella loro strana lingua, un
misto di siculo calabrese con influenze pugliesi, e soprattutto, cominciano
a tirare pugni a destra e a manca.
me ne arriva uno preciso sulla mandibola, ovviamente è il classico pugno
diretto a Nick, ma che arriva a me..
Ed è il secondo nelle ultime 2 domeniche..
I primi 20 minuti la mischia del Cernusco fa quello che vuole, o così a me
pare e mi piace pensare che sia così, ci troviamo a 5 metri dalla loro linea
di meta, penso: Ora entriamo nella storia, facciamo la meta al cologno con
la mischia e il Mino si ammazza, purtroppo  mi sa che penso troppo e spingo
poco, e ci portano indietro di 5 metri.
Continuiamo a stare nei loro 22, che per i profani vuol dire: “continuiamo a
stare nella loro area di rigore”, ma come ci dicevano  a scuola, siamo
intelligenti, ma non ci applichiamo e la loro area di meta è un po’ come il
privè dell’hollywood, inaccessibile per noi.
CJ “collasso sul bidet” prova a fare 3 punti con un calcio, di solito ne
sbaglia uno a partita, ne tira uno, ne sbaglia uno.
Ancora 0 a 0.
Nell’unica azione del primo tempo il Cologno ci fa la meta, in quel momento
il nostro carisma passa da accettabile a disastroso.
Finisce il primo tempo. Cologno 5 Cernusco 0.
Il secondo tempo è speculare al primo, loro cambiano la prima linea, ciò
vuol dire che il trio Mucci, LaSorsa, Assandro.
Io, Nick e Gonzo, per intenderci, ha fatto un bel lavoro, ma vuol dire anche
che per noi 3 saranno 40 minuti all’inferno.
Di fronte a me si mette un Pilone che sembra Bruce Willis con la faccia da
cattivo, penso: minchia che culo, non potevo stare a casa a guardare Buona
Domenica?
In mischia cominciamo a perdere qualcosa, in touche invece il signore dei
cieli Ciccio, precisione Lasorsa, Quadro the mind, L’uomo finta Gonzo,
Gancio Brambilla e touchisio hanno il totale predominio. E su questo nessuno
può dire nulla.
Come dicevo prima, il secondo tempo è speculare al primo, quindi il Cologno
si accampa nei nostri 22, e però anche per loro la nostra area di meta è
come l’area 51,
E noi stiamo perdendo.
C’è un fallo, non so di chi, forse io, a 5 metri dalla nostra area di meta,
calcio di punizione, e qua io ho creato la mia leggenda, ora la scrivo come
la racconterò fra 10 anni ai nuovi del Cernusco:
Faceva freddo, molto freddo, forse nevicava, la loro mischia ci stava
spaccando, i loro 3/4 sembravano cavalli imbizzariti, noi ormai avevamo dato
tutto, e hanno un calcio di punizione a 5 metri, l’arbitro fischia, io ho in
mano la palla, se gliela do e rispetto il fairplay loro giocano la veloce,
ci fanno la seconda meta, e noi siamo fregati, se la tengo, non vinco il
premio fairplay, ma sono costretti a giocarla lentamente, e noi riusciamo a
rischierarci, mia mamma si prende un insulto, io non vinco il premio
fairplay e mi tengo la palla e gliela restituisco un po’ dopo. I miei
compagni sono schierati.
A questo punto calciano, cercano di fare 3 punti, il calcio lo metterebbe
dentro chiunque, forse anche io.
Siamo fottuti?
No.. perchè Demetrio, uno dei peggiori tamarri che abbia mai calcato un
campo da Rugby, decide di calciare, e fa il peggior calcio della storia del
Rugby, tira un calcio che è a metà tra una punizione di Spagnoli del Cervia
e una spazzata della difesa alla Pietro vierchowod, la palla esce.
Dalla panchina urlano: Demetrio la prossima volta fai calciare  Severino, o
qualcosa di simile.. che cazzo di nome è Severino??
Probabilmente il Sindaco di cologno non tratterà Demetrio come la regina ha
trattato Wilkinson dopo la vittoria del mondiale di Rugby.
Gli dei sono con noi.
Siamo ancora 5 a 0 per loro
Rimaniamo sempre nei nostri 22, facciamo qualcosa come 3 milioni di mischie,
loro ci portano indietro, ma NON CI RUBANO MAI LA PALLA, noi gliene abbiamo
rubate 2 nel primo tempo.
Apriamo una palla e anoressia Topo calcia la palla lontanissimo, la loro ala
e il loro estremo sembrano Stanlio e Olio, si scontrano tra di loro, Bulimia
Topo,  Fetish ed Ema calciano il pallone avanti, loro fanno un fallaccio a
Topo, l’arbitro non lo ravvede, si forma sulla linea di meta del cologno una
mischia enorme.. dalla quale esce Gonzo con la palla in mano e la schiaccia
in meta… 5 a 5…
Ora bisogna trasformare quella meta.. Cj ha dato un gomito, è fuori, è
rientrato Don Giglio dopo un paio di anni di assenza dai campi da gioco, sul
campo dopo i festeggiamenti per la meta c’è un silenzio surreale…
Giglio calcia, la palla entra… 7 a 5…
Il cologno è sotto..
Gli ultimi 15 minuti noi ci risolleviamo, viviamo nei loro 22, rischiamo di
fare la seconda meta, quando l’arbitro dice 4 minuti di recupero mi sembra
un eternità…
L’arbitro fischia.
Abbiamo vinto il derby, 7 a 5…
Se solo Demetrio avesse fatto calciare Severino..

è stato proprio un bel regalo di natale.

»crosslinked«

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi